Image
Top
Navigation
Gennaio 2, 2015

Turismo e strutture ricettive: perché fare comunicazione adesso

La neve al di fuori della finestra, il tepore di un caldo camino in una suite confortevole, il tutto arricchito dalla compagnia giusta…

A chi non piacerebbe trascorrere qualche giorno così, lontani dallo stress cittadino, godendosi la magia di posti a volte irraggiungibili? E quale migliore occasione delle festività natalizie per concedersi un breve viaggio? Da sempre infatti, nel periodo di dicembre – gennaio, il turismo incrementa ma è importante tuttavia che le strutture ricettive giochino bene le proprie carte. In che modo?

Beh, in primis investendo su se stesse attraverso una giusta comunicazione.

Strutture ricettive e Turismo: come e quando fare comunicazioneUna buona pubblicità è il primo passo per attrarre ospiti ed incrementare il turismo, soprattutto in periodi di “magra” come questi, dove le strutture ricettive scontano le “pene” di una crisi economica devastante. Per questo è importante stringere un patto tacito con gli ospiti, offrire servizi discreti a prezzi concorrenziali. Il tutto attraverso una comunicazione d’impatto. Diventa quindi importante per albergatori e per chiunque diriga una struttura ricettiva, adottare le giuste strategie di marketing.

Bisogna innanzitutto evitare investimenti sbagliati che oltre a comportare inutili sprechi di denaro, si rivelerebbero controproducenti. Per gli albergatori è quindi importante adeguarsi alle nuove esigenze di mercato. Se il turismo è cambiato, cambierà di conseguenza anche il tipo di comunicazione che ad esso fa capo. Per le strutture ricettive c’è un unico, importante dovere: la formazione!

Informarsi partecipando a workshop, eventi, seminari specifici e corsi in cui si parla delle ultime tendenze in tema di turismo è un ottimo metodo per essere sempre al passo con i tempi ed adeguarsi alle sempre nuove esigenze degli ospiti.

E poi c’è il web. Anche in questo caso occorre fare le scelte giuste. Internet è uno strumento di comunicazione di forte impatto, ma i fruitori della rete, data la vasta offerta, prediligono siti di settore ed evitano quindi, spesso inconsapevolmente, una comunicazione che potrebbe rivelarsi troppo generalista. In tal senso, quindi, per le strutture ricettive un consiglio utile potrebbe essere quello di investire in campagne pay-per-click, che permettono di individuare meglio il target di riferimento, e di conseguenza di adeguarsi ad esso. Lo stesso risultato, ad esempio, non lo si otterrebbe scegliendo una modalità promozionale come quella offerta da Pagine Gialle, che nonostante garantisca alle strutture ricettive una discreta visibilità, ha l’inconveniente di categorizzare le aziende in base al settore, senza fornire quel valore aggiunto che potrebbe spingere il turista a prediligere un determinato albergo, invece che un altro.

Altra scelta giusta è quella di aderire a portali come Booking, che categorizzano le strutture ricettive per prezzo e qualità dei servizi. In questo caso è forte anche il feedback con il turista. Grazie ad un importante strumento di comunicazione, la recensione, ogni ospite potrà esprimere un giudizio sul proprio soggiorno. Giudizio che sarà utile sia per i potenziali futuri ospiti, che avranno quindi una discriminante in più nella ricerca del proprio hotel, sia per gli albergatori stessi, che potranno così migliorare la qualità del servizio, qualora i turisti abbiano evidenziato delle pecche.

Altro strumento di comunicazione utile per incrementare il turismo, potrebbe essere quello, molto in voga nell’ultimo periodo, di fare sconti sui siti coupon. In periodo di crisi, questo è un ottimo metodo per attrarre turisti. Ma attenzione a non svendersi! Fare sconti troppo elevati potrebbe essere controproducente, rivelandosi per l’hotel di turno, causa di perdita di autorevolezza, reputazione ed in alcuni casi anche di profitto.

Quindi sì al risparmio, ma occhio alla qualità! E ricordate che un cliente soddisfatto, è il vostro miglior biglietto da visita. Buona fortuna!.

Submit a Comment

Posted By

Categories

Blog, Comunicazione